Cosmesi, ingredienti aggressivi e dannosi nelle creme, come evitarli

Derivati sintetici dal petrolio che troviamo nella cosmesi
Prodotti naturali
Prodotti naturali

In questo articolo vi illustrerò come riconoscere gli ingredienti dannosi usati nella cosmesi. Per molto tempo questo argomento è stato tabù per il consumatore.
Se leggendo la facciata anteriore del prodotto,  era conforme a quello che si cercava, si passava all’acquisto senza alcun approfondimento.

Quante volte abbiamo girato la confezione per leggere? Quante volte abbiamo esclamato !! “quanto è scritto piccolo, non si legge” oppure  ” questo che ingrediente è, non lo conosco” e poi acquistare il prodotto solamente perché sull’anteriore è scritto in grande “CON OLIO DI ARGAN” ( ho scritto Argan come potevo scrivere Jojoba). A volte, la qualità non va sempre a braccetto con il prezzo, si possono acquistare creme costose e trovarsi poi, a leggere un’etichetta che tutto ha, meno che la qualità. So benissimo, che alcuni di voi usano alcuni prodotti ormai da anni senza porsi il ben che minimo dubbio su cosa si sta spalmando sulla pelle, vi esorto per la vostra salute ad essere più pignoli su questo delicato argomento, che nel tempo potrebbe portare gravi conseguenze.

Questi ingredienti dannosi, derivati dal petrolio raffinato,  sono stati classificati anche cancerogeni, occlusivi, e non dermo-compatibili con la nostra pelle; la pelle con il tempo diventa secca, non respira, perché occlusa.

Cosa succede in realtà nella nostra mente? avete presente il cane che si morde la coda? succede proprio questo, comprate il prodotto perché avete la pelle secca, e quando lo mettete esclamate “che buon prodotto, che pelle liscia ” ed è proprio questo lo scopo di questi ingredienti raffinati, lasciare un film sottilissimo sulla pelle che la rende liscia al tatto, cosi ogni giorno dando fiducia alla casa che la produce, usufruite di questa composizione spalmandovela sulla pelle. Nel tempo la vostra pelle non potrà più fare il suo normale processo fisiologico, perché occlusa, se per qualsiasi motivo la sospendete per qualche giorno, la vostra pelle risulterà ancor più secca di prima, allora si ricomincia, perché la sensazione dopo l’applicazione è quella che vi faccia bene, solo perché in quel momento la vostra pelle è liscia e morbida, fate attenzione e non sottovalutate questo argomento.

Vediamo cosa dobbiamo evitare

I petrolati in cosmesi

  • paraffinum liquidum
  • petrolatum
  • mineral oil
  • vaselina
  • paraffina

Se trovate questi componenti sugli ingredienti state alla larga dal prodotto, i petrolati usati sono scarti di raffineria che riciclano per usarli in cosmesi, occlusivi e non compatibili con il nostro derma.

 

Siliconi

  • Dimethicone
  • cyclopentasiloxane: questo componente ha solo l’1% di benefici sui capelli, il resto è tutto silicone, l’effetto con i primi lavaggi è quello di vedere un capello lucido e morbido, (un po come il  cruscotto della vostra auto dopo aver applicato il lucida cruscotto), se un giorno decideste di smettere e cambiare prodotto, i vostri capelli si rivelerebbero per quello che hanno subito, ci vorrà del tempo prima che i siliconi si sciolgano completamente liberando i vostri capelli, prendetevi veramente cura usando un prodotto biocompatibile, ci metterà più tempo a renderli morbidi e lucidi, ma saranno ben nutriti e forti.
  • Amodimethicone
  • Cyclomethicone
  • Dimethiconol
  • Trimethylsiloxysilicate

 

Conservanti

  • Formaldeide: irrita pelle, capelli e mucose. Considerato con CERTEZZA cancerogeno per la specie umana. Interferisce con i legami tra DNA e proteine. Si trova in moltissimi smalti per le unghie.
  • Cocamide Mea, Tea, Dea (aggressivi sulla pelle e potenzialmente cancerogeni)
  • SLS (sodium lauryl sulfate) e SLES (sodio laureth solfato)
  • Ammonium Lauryl Sulfatecur
  • Triclosan: antibatterico molto penetrante, registrato come pesticida. Una delle sostanze più tossiche che si possono riscontrare nei cosmetici, è anche sospetto agente cancerogeno. Viene accumulato nei tessuti corporei, quindi provoca un avvelenamento lento che si protrae nel tempo. Ad alto rischio per la salute umana e per l’ambiente.
  • methylchloroisothiazolinone e methylisothiazolinone: conservanti allergizzanti

 

Attenzione anche a

  • ciò che termina in –trimonium
  • ciò che termina in –glycol : solventi sintetici aggressivi sulla pelle

Conclusioni: Abbiate il coraggio di cambiare la vostra affezionata crema o olio, ne guadagnerete in salute protratta nel tempo, controllate le vostre creme, e non dimenticate lo shampoo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *