Carboidrati semplici o complessi ? quali mangiare ?

cereali fibre e carboidrati
Cereali

Carboidrati semplici o complessi? qualcuno di voi sa già di cosa parlo, ma molti di voi non sanno cosa sono e dove si trovano. Molte persone fanno lo sbaglio di nominarli carboidrati buoni o carboidrati cattivi, come se stessimo parlando del colesterolo.
In questo articolo non mi addentrerò più del necessario su argomenti prettamente medici e scolastici, trasformerò una articolo complesso nel suo genere, in un articolo comprensibile per tutti.

I carboidrati sono la fonte di energia per il nostro corpo, sono nutrienti importantissimi, e non devono mai mancare nelle nostre diete. I carboidrati più diffusi nella nostra alimentazione si assumo mangiando zuccheri, fibre e amidi.

Quando ne ingeriamo più del necessario e ne consumiamo meno il nostro organismo crea delle riserve che si trovano nel fegato e nei muscoli, ma il nostro organismo preferisce creare riserve energetiche sotto forma di lipidi perché più energetici, quando utilizzati.

Semplici

Si chiamano semplici (monosaccaridi cioè il glucosio  la cui concentrazione nel sangue è chiamata glicemia, disaccaridi e oligosaccaridi), tutti quelli che si trovano in alimenti raffinati come lo zucchero, ma importantissimo si trovano anche nella Frutta (zuccherina) come banane, fichi, cachi, pere, frutti tropicali, pesche, albicocche, inoltre si trovano nel miele, melate, sciroppi naturali, e vengono assorbiti dal nostro organismo in modo veloce, il vantaggio di questi alimenti e quello di avere energia subito a disposizione perché non hanno bisogno di trasformazioni metaboliche. L’assimilazione inizia già dalla bocca mentre si mastica il cibo, l’insulina prodotta dal pancreas serve ad accompagnarlo verso le cellule, le quali sapranno farne buon uso.

Complessi

Si chiamano complessi (polisaccaridi), quando, per essere assorbiti il nostro organismo li deve trasformare con un processo metabolico. Chiamati anche carboidrati d’eccellenza, Cereali, frumento, mais, riso, orzo, farro, avena, kamut, patate, castagne, tapioca, manioca, piselli e fagioli, zucca, carote, barbabietole da zucchero.

Quanti carboidrati semplici bisogna mangiare?

I carboidrati semplici nella nostra alimentazione non devono superare al max 10-20% del fabbisogno giornaliero, Il glucosio in eccesso viene riservato nel fegato e nei muscoli come scorta, sotto forma di glicogeno, che servirà per mantenere costante la glicemia.

Quanti carboidrati complessi bisogna mangiare?

Devono ricoprire 80-90% del fabbisogno giornaliero di carboidrati. Privilegiate sempre questo tipo di carboidrato.

 



 

I carboidrati sono il nutriente che il nostro corpo a scelto per il nostro cervello, o meglio dire, il nostro cervello di nutre di glucosio, non bisogna tenere il nostro organismo a digiuno di glucosio, in scarsità di glucosio il nostro metabolismo inizia a usufruire delle scorte lipidiche, ma queste scorte per essere utilizzate devono essere trasformate, e per subire tale trasformazione il nostro organismo rilascia sostanze nocive, che vengono espulse con le urine, ma che comunque si sono fatte un giretto nel nostro corpo.

E per questo che bisogna sospettare quando una dieta e priva di carboidrati.

 

Conclusioni

Il nostro cervello consuma glucosio, e non è proprio il caso di lasciarlo a digiuno, per una persona di circa 70 Kg, ci vogliono circa 180 grammi  di carboidrati, basta applicare questa formula per trovare la tua quantità, 2,6×70, che cosa sono questi numeri ? 2,6 rappresentano i grammi per kg corporeo, 70 e il peso della persona, se pesate 50Kg , 2,6×50=130 grammi di carboidrati cioe, 117 grammi di carboidrati complessi e 13 grammi di carboidrati semplici.

Privilegiate tutte le farine integrali a quelle bianche raffinate

 

Le informazioni contenute in questi articoli sono di natura prettamente illustrativa, informazioni reperite dalla rete con cura e buonsenso trovando sempre attendibili riscontri veritieri, comunque non sostituiscono il parere di un medico che può essere anche in disaccordo con tante informazioni riportate su questo sito, usare queste informazioni a scopo personale senza aver prima consultato uno specialista nel settore significa assumersi le proprie responsabilità, e non consentono di acquisire l’esperienza indispensabile per il loro uso o pratica”

 

Coraggio lascia un commento inerente a quello che hai letto, ce la puoi fare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *