Il batterio killer modificato in laboratorio “Ideonella sakaiensis”

Sappiamo tutti, o quasi tutti, in che condizioni si trova il nostro pianeta. Ormai da circa cinquant’anni, si utilizza plastica o Pet per alimenti, questa condizione ha portato in grave deterioramento il  sistema ecologico del pianeta, soffocando mare e terra. In circa 50 anni si sono estinte circa 72 specie di pesci, se non si ricorre immediatamente ad una risoluzione del problema, il nostro pianeta potrebbe veramente arrabbiarsi di brutto, e allora saranno guai seri.
Esistono vere e proprie isole di plastica nell’oceano, una di queste è grande circa 5 volte l’Italia, e continua inesorabilmente ad ingrandirsi.

L'isola di plastica nell'oceano pacifico
L’isola di plastica nell’oceano pacifico



Forse ce ancora speranza, in natura esiste un batterio chiamato (Ideonella sakaiensis, è un batterio della famiglia Comamonadaceae capace di digerire il polietilene tereftalato attraverso l’idrolisi delle catene polimericheche) .
Una bottiglia di plastica, per degradarsi ci impiega oltre 100 anni,  alcuni scienziati inglesi, anno studiato e modificato questo batterio, creando un batterio killer, che in pochi giorni o settimane ha reso lo stesso risultato di centinaia di anni, le ricerche sono ancora lontane per essere attuate, ma sicuramente si affaccia all’orizzonte una nitida speranza.

Batterio Ideonella sakaiensis
Batterio Ideonella sakaiensis

 

Coraggio lascia un commento inerente a quello che hai letto, ce la puoi fare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *